SCICtrain 3

This year was a very special year for the annual SCIC Universities Conference, as we were celebrating its 20th edition!  The title of the conference was

Captura de pantalla 2016-03-02 a las 10.28.57

The conference aimed to address the fact that both the worlds of interpreting and teaching are going through big changes, and that we therefore need to keep up with the (new, modern) times. Besides the big 20th birthday cake and celebrations, there were presentations from SCIC representatives as well as from trainers from around Europe and one from a colleague from DG INTE. The focus of these presentations was how we can best make use of blended learning to help students to become successful professional interpreters; one in particular focussed on how SCICtrain can be used as a teaching tool to supplement our traditional on-site assistance.

SCICtrain was launched in 2014 as a virtual video library to provide students and others interested in a career in interpreting with practical examples of conference interpreting. We wanted to give a clear and simple explanation of the full extent of the intellectual process at work when interpreting, without concealing the complexity and demanding requirements of the job. SCICtrain is part of our SCICcloud Project – a virtual store of information on our Virtual Classes and other e-learning material, such as the Speech Repository and Podcasts. We see it as an important element in our reflections on future e-learning projects, as currently being discussed by our e-learning think tank, and as announced at the conference.

Thanks to the expertise of our ACI colleague, Lourdes de Rioja, we are now able to unveil the 3rd edition of SCICtrain. A further 35 video clips have been added, bringing the total number up to over 100 (116 to be exact). A lot of time, effort and resources have gone into making this impressive library which includes a whole range of different kinds of clips: for example ‘talking-heads’ on what interpreting is all about, or on the importance of being able to prioritize information or manage stress; interviews about what it is really like to freelance for SCIC; mock tests to show students what to expect and of course demonstrations of professional-level consecutive and simultaneous interpretation.

New languages have been added (there are demonstrations of English into Portuguese in both modes and English into Dutch in both modes), as well as further videos about interpreting into a B- language. The structure of the library has also changed slightly, so you will now find the following categories:

– About SCICtrain and SCIC (6 videos)

– What is interpretation? (6 videos)

– Learning to interpret (12 videos)

– Consecutive interpretation (5 ‘theory-based’ videos and 27 ‘demonstration’ videos)

– Simultaneous interpretation (3 ‘theory-based’ videos and 27 ‘demonstration’ videos)

– Retour/B-language (5 ‘theory-based’ videos and 12 ‘demonstration’ videos)

– Tests (4 videos)

– Working as an interpreter (8 videos)

We hope that with the new videos and the new structure, SCICtrain will be even more useful for both trainers and students.

Many thanks to all the SCIC interpreters who have been involved with the project, and to Lourdes de Rioja.

SCICtrain 2

The 19th Annual SCIC-Universities Conference took place in Brussels on 26th and 27th March 2015 on the theme “(Re-)Making connections”. The world of Interpreting is evolving and all of us, universities and institutional employers alike, must adapt to new circumstances and user requirements by blending the use of new technologies with more traditional ways of teaching. We should aim to be at the forefront of changes in the educational approach, ensuring quality of content and accessibility so that our students have the opportunity to become successful professionals.

In this context, the second phase of our SCICtrain Project, which is available to the public after the Conference, is launched for the following purpose: to make SCIC’s knowledge and expertise available to interpreting students via a method that is used more frequently nowadays –  video-clips. Let’s remind ourselves what SCICtrain is about. It started in March 2014 as a virtual video library to provide students and others interested in a career in interpreting with practical examples of conference interpreting. We wanted to give a clear and simple explanation of the full extent of the intellectual process at work when interpreting, without concealing the complexity and demanding requirements of the job. SCICtrain is part of our SCICcloud Project – a virtual store of information on our Virtual Classes and other e-learning material, such as the Speech Repository and Podcasts. We have also included a collection of videos on how to prepare for meetings with documents, “booth manners”, myths about tests, the pleasure of interpreting and other such subjects. These have been incorporated into the different sections/shelves of our virtual library.

FOTO OFICIAL PRESENTACION SCICtrain 2

Javier Hernandez Saseta, Head of unit “Multilingualism and interpreter training support”, DG SCIC, European Commission and Lourdes De Rioja.

 In addition, as we wanted this platform to be multilingual, amongstthe new series of video clips, which are between 5 and 20 minutes long, we included interpretation demonstrations (both consecutive and simultaneous) into more languages (i.e. French, German, Italian and Spanish) as well as ones illustrating retour (from Latvian and Polish into English).

Cooperation with our ACI colleague, Lourdes de Rioja, on the first phase of SCICtrain has been extremely fruitful. We have continued to work together on the second phase in order to produce something new, while keeping the same format and principles which our users have been so positive about.

Javier Hernandez Saseta, Head of unit “Multilingualism and interpreter training support”, DG INTERPRETATION, SCIC, EUROPEAN COMMISSION.

SCICtrain

SCICtrain – a new virtual video library on conference interpreter training

On 28th March, the second day of the annual SCIC-Universities conference, and as a follow-up to the SCiCLOUD initiative announced exactly a year before by Mr Brian Fox, DG SCIC launched “SCICtrain“, a new virtual video library on conference interpreter training offered by DG SCIC interpreter/trainers.

SCICtrain

C. Durand, L. De Rioja, M. Benedetti

For some years, DG SCIC had been playing with the idea of conveying important information on conference interpreter training  using online video material, because we were aware that young people and students have become more and more attracted by the power of image, by new technologies in general, and by new approaches for acquiring information and knowledge. Without abandoning on-site training assistance – which remains of paramount importance in the teaching process – we felt that distance learning tools such as the Speech Repository, Virtual Classes and other still-to-be-invented didactic resources had a rapidly growing potential and would be a perfect supplement to our traditional on-site assistance to universities.

What we were looking for was a virtual video library which would show students or other young people practical examples of what conference interpreting is. We wanted to explain and decompose the intellectual process at work in a clear and simple way but without concealing the sophistication of the exercise and the demanding requirements of the job.

We were lucky enough to find someone who had everything that it takes to turn this idea into a concrete project: our ACI colleague Lourdes de Rioja, who a few years ago had created a personal website and a blog on conference interpreting which many of us have regularly visited, called “A Word In Your Ear”. It is this unique profile combining cinema, interpreting and training expertise which, at the end of 2013, led DG SCIC to entrust Lourdes with the task of implementing what has become known as the “SCICtrain” project.

deRiojaToday, SCICtrain contains 41 video-clips which were shot by Lourdes on DG SCIC premises (except Dick Fleming’s two presentations, filmed in La Laguna, Tenerife) between January and March 2014 and whose actors are all (active or former) DG SCIC interpreters with a strong interest in training the next generation. Most of them take part in regular Pedagogical Assistance missions and/or are involved in Virtual Classes with partner universities, and some are senior trainers who had already gained a rich expertise at the time when DG SCIC used to run an in-house training scheme.

The virtual video library is divided into 6 sections:

– a general presentation given by our Director General Marco Benedetti;

– an introduction to conference interpreting;

– consecutive interpreting;

– simultaneous interpreting;

– other techniques (such as retour interpreting);

– other resources and tools (subjects such as the importance of the mother tongue, self-training, “culture générale”, etc).

Please take a look at the various modules which are 5 to 20 minutes long and are a mixture of theoretical presentations (but with many practical tips) and real demonstrations in which DG SCIC interpreters have tried to show and explain how fascinating the interpreting profession can be.

Claude DURAND, Head of unit  “Multilingualism and interpreter training support”, DG INTERPRETATION, SCIC, EUROPEAN COMMISSION.

Marco BENEDETTI: What´s interpreting?

Unity in diversity: languages for mobility, jobs and active citizenship

“Signore e signori,

che questa conferenza sull’unità nella diversità europea si tenga qui a Vilnius in occasione della giornata delle lingue, è una felice coincidenza carica di significato. La Lituania è il centro geografico dell’Europa e possiamo dire che proprio nella sua lingua si riassume l’avventura linguistica europea. Tutti sappiamo infatti quanto la lingua lituana sia vicina alla protolingua indoeuropea delle origini e come nelle sue tanto antiche quanto ermetiche parole si trovino le radici di tutte quelle che fanno le nostre lingue. Se una così piccola lingua ha resistito al tempo e alla storia conservandosi quasi intatta per secoli, malgrado invasioni e oppressioni, è merito della gente che la parla e che ci offre oggi la testimonianza di una tradizione inestinguibile. Ha detto Joseph De Maistre che ogni lingua ripete i fenomeni spirituali che si operarono alle origini, e più una lingua è antica più questi fenomeni sono appariscenti. Il lituano è una lingua di poesia come lo erano tutte le nostre nel tempo in cui erano ancora capaci di parlare con il divino. Fuori dalle correnti del potere da cui sono state catturate altre lingue europee, resistendo alla razionalità dei tempi moderni in nome della poesia, il lituano ha conservato la liricità del pensiero elevato, distaccato dall’angustia del contingente e più capace di parlare oltre il proprio tempo. Altri oratori più eruditi di me hanno approfondito questi aspetti più propriamente linguistici nel corso di questa conferenza. Nondimeno, mi piace osservare quanto lo
spirito di conservazione del lituano sia un istinto positivo condiviso dalle tante culture e lingue che oggi fanno la nostra ricchezza. E da italiano non posso esimermi dal ricordare la curiosa leggenda che vuole che i lituani siano discendenti dei soldati di Giulio Cesare. Una leggenda nutrita dalle antiche somiglianze fra lituano e latino che derivano dalle loro comuni origini e di nuovo sono da attribuire alla sconfinata capacità di conservazione del popolo lituano. Una leggenda che nel XVI fu talmente popolare che qualcuno propose addirittura di introdurre il latino come lingua scritta in Lituania. Chissà, se fosse andata a quel modo oggi qui staremmo parlando latino! Nondimeno credo che conservare il lituano sia stata una più ammirevole impresa. Cui noi italiani abbiamo dato qualche piccolo contributo. Un grande linguista italiano, Giacomo Devoto, nella prefazione della sua Storia delle letterature baltiche pubblicata nel 1957, quando i paesi baltici sembravano scomparsi dalla storia, ebbe la lucidità di scrivere: “Al di fuori delle lotte politiche e dei regimi economici, i popoli non muoiono. A tutti gli uomini di lettere, in patria e in esilio, a tutti i loro concittadini, queste pagine portano una parola di solidarietà”. Una solidarietà che alla fine ha avuto i suoi effetti, se oggi possiamo ritrovarci qui, in un’Europa infine riunita e pacificata.
La Lituania celebra oggi, assieme ad altri nove stati un decennio di adesione all’Unione europea. Dieci anni che hanno consolidato l’appartenenza europea di una parte a lungo dimenticata del nostro continente e che hanno permesso il rifluire di idee e scambi fra le nostre culture. Per alcuni dei popoli europei che sono entrati nell’Unione con l’allargamento del 2004, una delle cose che l’adesione ha tratto definitivamente in salvo è proprio la lingua. Non dobbiamo dimenticare infatti che la lingua è al centro dei trattati europei. In essi ogni paese viene riconosciuto come membro innanzitutto attraverso l’espressione della sua lingua ufficiale.
L’Europa è quindi fin dall’inizio un progetto politico di popoli che sanciscono la loro diversità linguistica e culturale come un fondamento distintivo ma che in essa riconoscono una matrice di unità. Questo riconoscimento politico che l’Unione europea conferisce alle lingue di tanti popoli rimasti intrappolati negli strascichi della Seconda guerra mondiale ha ridato fiato a culture a lungo soffocate, ha rilanciato l’editoria e la traduzione di opere rimaste sconosciute per decenni, ha riaperto le porte delle accademie, rilanciato l’interesse per la ricerca linguistica e ridato consapevolezza identitaria a lingue soffocate dall’oppressione. L’adesione all’Unione europea in tutti i nostri paesi ha comportato un aumento delle necessità di traduzione e ha parallelamente dato maggiore spessore a tutte le nostre lingue. Più una lingua è tradotta, più si fa conoscere nel mondo. Più traduce, più conosce il mondo. La traduzione è sempre stato uno strumento di dialogo fra le culture europee ma da quando esiste l’Unione europea essa ha assunto anche un ruolo politico. L’ufficialità delle nostre lingue in ambito europeo ha in qualche modo istituzionalizzato il loro dialogo, ha reso universale la nuova concettualità scaturita dall’inedita esperienza politica europea, ha creato un’orizzontalità di contenuti che impercettibilmente contamina il nostro comune sentire e lo rende più consistente. Di fatto, se le nostre lingue continuano a essere diverse, sempre di più esse ricalcano parallelamente un’unità di intenti e di significati.
Le nostre istituzioni sono sempre state ben consapevoli della grande importanza che rivestono le lingue per lo sviluppo di un’autentica cittadinanza europea. E’ in questa prospettiva che la Commissione europea si è data una politica per il multilinguismo. Con i suoi diversi strumenti, finanzia progetti educativi e formativi di vario genere, integrando le politiche degli Stati membri in uno spirito di dialogo interculturale e di integrazione.
Nella nuova Europa liberata lo studio delle lingue si sta diffondendo sempre più assieme alla domanda di maggiore varietà di insegnamento linguistico. Conoscere le lingue apre nuove possibilità di lavoro, non solo perché offre maggiori sbocchi grazie ad una maggiore mobilità, ma anche perché le lingue di per sé sono un mercato. Il multilinguismo non è soltanto diffusione delle conoscenze linguistiche, ma anche sviluppo di competenze professionali nel campo delle lingue e nuova opportunità economica.
Per questo alla Direzione generale Interpretazione siamo da sempre impegnati nella formazione di interpreti, professionisti indispensabili per il funzionamento della grande macchina delle istituzioni europee dove ogni giorno si tengono centinaia di riunioni fra delegati di tutti i nostri paesi. La Commissione europea è il più grande servizio di interpretazione al mondo. Dà lavoro a 550 funzionari e a 400 free-lance ogni giorno dei quasi 3000 che ha accreditato per soddisfare i bisogni delle discussioni e dei negoziati in cui delegati di tutta Europa si incontrano per un totale di 12.000 riunioni l’anno.
In effetti, così come per il cittadino europeo dovrebbe ormai diventare un dovere civico essere in grado di esprimersi in almeno un’altra lingua, allo stesso modo resta un suo diritto inalienabile il potersi esprimere nella propria lingua madre nell’ambito delle istituzioni europee che per la loro natura e per la loro missione appartengono a tutti i nostri popoli.
In questi cinquant’anni, diverse generazioni di interpreti si sono succedute nelle nostre cabine. Un servizio che all’inizio lavorava in quattro lingue, oggi ne usa ventiquattro, con una moltiplicazione incessante delle riunioni derivante dalla crescita dell’Unione e del campo di attività delle sue istituzioni. Gli interpreti sono forse i pionieri della costruzione europea, non solo per il fondamentale ruolo di mediazione che da sempre svolgono nelle nostre istituzioni, ma anche per la loro formazione e per la loro esperienza di vita. Sempre a cavallo di lingue e culture diverse, gli interpreti sono forse quelli di noi più consapevoli della forza della nostra varietà linguistica e culturale e anche della comune corrente sotterranea che la nutre.
L’assoluta parità linguistica che l’Unione europea si è voluta dare non ha precedenti nella storia ed è unica fra le organizzazioni internazionali. In nessun’altra infatti esiste un multilinguismo così assoluto. Le ragioni di questo fatto vanno ricercate nella natura stessa dell’Unione europea che, come afferma la Corte di Giustizia, rappresenta “…un ordinamento giuridico di nuovo genere nel campo del diritto internazionale, a favore del quale gli Stati hanno rinunziato, anche se in settori limitati, ai loro poteri sovrani, un ordinamento che riconosce come soggetti non soltanto gli Stati, ma anche i loro cittadini”. Mentre le altre organizzazioni internazionali agiscono esclusivamente a livello intergovernativo, l’Unione europea assume decisioni di carattere legislativo che incidono direttamente sui cittadini ed è per questo motivo che tutta la legislazione adottata dall’Unione deve essere disponibile in tutte le lingue ufficiali e che ogni cittadino deve potersi rivolgere nella propria lingua alle istituzioni europee. Non sarebbe ammissibile che i cittadini si trovassero ad essere titolari di diritti e doveri espressi in una lingua diversa dalla propria e costretti a parlare una lingua imposta per esercitarli. Per questo motivo tutte le lingue dell’Unione sono ufficiali e hanno lo stesso valore giuridico.
La lingua nell’Unione europea non è dunque solo espressione culturale ma anche strumento di esercizio del proprio diritto. Questo è il principio che la Direzione generale Interpretazione ha seguito sviluppando in collaborazione con la Direzione Generale Giustizia un progetto per la formazione e il riconoscimento degli interpreti giurati. Il multiculturalismo, l’emigrazione esterna e la mobilità interna europea rendono sempre più frequenti situazioni in cui un cittadino è chiamato a esprimersi davanti a un tribunale che non parla la sua lingua. Per tutelare i suoi diritti e garantire un equo trattamento, è necessario l’intervento di un professionista che riunisca nelle sue competenze sia quelle giuridiche che quelle linguistiche. Così si sta sviluppando sempre più la figura professionale dell’interprete giurato. Questo è un ulteriore esempio di come le lingue siano produttrici di nuovi mestieri e la loro conoscenza sia portatrice di progresso sociale. E di come esse costituiscano la dimensione più profonda di una cittadinanza responsabile, capace di infondere autentica appartenenza e di incoraggiare quella coesione sociale, quella comunità di progetto che è il presupposto indispensabile per un’integrazione rispettosa dell’unicità di ogni individuo.
Le nuove tecnologie in questo campo aprono altre frontiere ancora. Oggi la formula dell’e-learning si presta particolarmente allo studio delle lingue e dà nuove prospettive a lingue di piccole comunità che ritrovandosi su internet possono coltivare la loro lingua e la loro cultura ed anche attirare nuovo interesse. Il sapere linguistico acquisisce nuove forme e nuovi metodi di insegnamento servono anche le necessità suscitate dalla nuova dimensione del dialogo interculturale. Un’Europa che diventa terra d’accoglienza di migranti venuti da ogni parte del mondo non può chiudersi alle loro culture ma deve con esse instaurare un dialogo che necessariamente si fa anche attraverso la condivisione delle conoscenze linguistiche. Sempre più, grazie alla diffusione delle lingue, la cultura diventa il terreno in cui si gioca l’influenza e anche nuovo campo di attività economica. E noi che siamo portatori di una varietà culturale immensa, noi che siamo i custodi di giacimenti culturali che hanno fatto la storia del mondo, dobbiamo essere in grado di valorizzarla e di farne un polo di attrazione ma anche una vetrina del nostro modello di civiltà.
Oggi la costruzione europea è a una svolta. La crisi economica e finanziaria ha messo in luce le debolezze di un’unione a metà e ci ha aperto gli occhi sulla necessità di adeguare il nostro progetto politico alle nuove sfide della modernità. Oggi un rafforzamento dell’unione politica è possibile anche grazie alla più grande consapevolezza delle nostre società che nella comune difficoltà vedono più chiaramente la loro comunità di destino. Gli europei conoscono meglio l’Europa, si rendono maggiormente conto che solo insieme possiamo avere un futuro e un peso nel mondo. Dobbiamo adottare un nuovo passo, mollare gli ormeggi e abbandonare le reticenze. Maggiore unità non vuol dire diluizione delle nostre diversità. Al contrario, approfondendo la nostra conoscenza reciproca daremo un nuovo respiro alle nostre culture, nuovi orizzonti per la loro espansione, maggiore riconoscimento del loro valore. È questo il momento più opportuno per mettere in pratica la forza della nostra diversità, per farla uscire dal mare protetto della semplice protezione e alzare le vele verso il largo. Dobbiamo avere il coraggio e l’orgoglio dell’assoluta originalità del progetto europeo e della tranquilla rivoluzione che esso rappresenta nella storia dell’umanità.
In fin dei conti, l’esempio da seguire è proprio espresso qui, nell’anello di paesi piccoli ma antichi che si affacciano al Baltico e che sulla carta sembrano così fragilmente esposti alla massa di potenze che hanno attorno. La forza che ha consentito loro di conservare intatta la loro lingua e la loro cultura è stata proprio la più improbabile, la più inattesa: non la chiusura ma l’apertura. L’apertura al cambiamento, al confronto, la capacità di guardare lontano con la consapevolezza delle proprie origini, la disponibilità ad accettare l’altro proprio come modo per non lasciarsene sopraffare. Un’idea che esprime molto bene il poeta lituano Justinas Marcinkevičius quando scrive:

Coi borghi e i fiumi,

le città e i laghi,

coi nomi mi rendo visibile.

Come un vocabolario Fisso alla lettera L,

così aperto sono io.

Un’immagine di tranquillità e di forza, da cui emana tutta la potente serenità di un uomo che si sente parte di una comunità solidale, padrone della propria cultura, della propria tradizione e soprattutto della propria lingua. Con il vocabolario aperto alla lettera L della sua Lituania, in segno di sfida, di orgoglio ma anche di accettazione della diversità e della varietà delle tante lettere di cui è fatto il parlare umano, Justinas Marcinkevičius va incontro al vasto mondo. Lo stesso dovremmo fare noi nella costruzione del nostro progetto europeo, aperti come il vocabolario delle nostre ventiquattro lingue alla lettera E, che è per noi tutti l’iniziale di Europa.”

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE GENERAL FOR INTERPRETATION
Speech by Director General Marco Benedetti
EUROPEAN DAY OF LANGUAGES 2013 VILNIUS, 25-26 September 2013.

Garbled ramblings on a life of clear speaking

One of the questions I was asked when I said I was retiring was: “And would you do it all again, if you were starting out now?”

One of those questions it’s impossible to answer, of course. I’d be tempted to follow the example of the man who, when asked which way it was to Tipperary, (or was it Steenokkerzeel? Or Chipping Sudbury?), replied: “If I was you, I wouldn’t be starting from here.”

Because a lot has changed before I took my first, almost accidental steps as an interpreter. In fact, it was hardly a conscious decision, more a feeling that having invested all those years – and all that money – into learning languages, I wanted to use them. Especially as they seemed to be the only thing I was good at, and enjoyed. And since I couldn’t face the thought of going straight back to school as a teacher, having only just emerged from it and not having found the experience totally pleasurable – it being one of those old-fashioned grammar schools with public-school pretensions, somewhat on the model of the film ‘If…’ – I thought I should try for one of the language professions.

A thought which took me eventually to the translation and interpreting course in Bath, from where I was recruited – more or less directly – by the European Commission as an interpreter. This was in 1976, when the UK and Ireland had only just joined the EEC and there was a desperate need for English interpreters. So you could say that I never really decided to be an interpreter; it just happened. Though I did make one decision: I was also offered a job as a translator by the European Parliament but turned it down, a decision I find rather surprising now as I’d always been a rather shy retiring person and not obviously cut out for standing up and making a fool of myself in front of other people. But there it is.

And having got there, was I happy in my work? I suppose you can say I must have been, since I stayed there for 37 years. It is an odd way to earn a living, though: for a start, it’s not a nine-to-five job – your working hours depend largely on the people you work for so that you start when they start and go on until they finish. And it’s a strangely detached, almost irresponsible kind of existence, which doesn’t mean that interpreters don’t do a responsible job, but rather that you’re not the one making the decisions or doing the negotiating, or even organizing the meeting. At the end of a good day you know you’ve helped people communicate and enabled them to do their work properly, but it’s their work, not yours, somehow. The upside of that is that when you go home in the evening you don’t take their worries with you. In the meantime, you’ve been paid for performing mental gymnastics, using your knowledge and abilities to do a difficult job under significant pressure, and the job satisfaction lies in knowing you’ve done it well – or as well as possible under the circumstances.

For some people, it’s the ideal way to earn a living and they stay with it all their lives. For others, like me, it didn’t seem enough at some stage so I went into management while still continuing to interpret. Whether that gave me the best of both worlds, or the worst, I’m still not entirely sure.

And would I do it again now? As I said, a lot has changed in the meantime. We’ve seen new technologies arriving, like remote interpreting, which have taken the interpreter one step further away from the customer. In a consecutive meeting you’re part of the group; in front of a screen you’re still performing a vital function, still using your skills, but without the human interaction. And customers are more demanding, partly because if the interpreter is in a box somewhere he or she becomes part of the technical equipment and is expected to perform as flawlessly as a computer, but also, and increasingly, because the customers’ language knowledge is vastly better than it was. Whereas thirty years ago very few delegates in continental Europe spoke English, nowadays it seems most of them do – or at least believe they do – and they are in consequence more critical of interpreters’ performance.

And yet…there are very few other professions which give you the opportunities to use your languages as interpreting does. Or to be privy to what’s going on behind the scenes. Or to travel. Or not to have to turn up at work at the same time in the same place every day. Maybe it’s not something to do for the rest of your life, but if it’s something you think you’d enjoy, don’t be put off by the prophets of doom – there’s still work out there.

David Smith, retiring Head of the English Interpreting Unit at the European Commission.

My consecutive kit

Consec Test Speech: Boudica

A consecutive demo: Boudica

Test speech analysis: Boudica

Note-taking in consecutive interpreting. On the reconstruction of an individualised language.

Kurt Kohn & Michaela Albl- Mikasa.

NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_01NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_02 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_03 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_04 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_05 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_06 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_07 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_08 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_09 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_10   NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_11NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_12NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_13 NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_14NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_15NOTE-TAKING IN CONSECUTIVE INTERPRETING_Page_16

MIC 2013: Visita a la Comisión Europea y Tribunal de Justicia de la UE

CRÓNICA DE UN VIAJE:

Hace unas semanas los estudiantes del MIC emprendimos un viaje de cuatro días al centro neurálgico de la interpretación en Europa (y, por qué no decirlo, de las cervezas y el chocolate). Hicimos la maleta meticulosamente, con cuidado de no olvidar la grabadora, la libreta, los cascos o el disfraz de intérprete. Sin embargo, nada ni nadie podía prepararnos para lo que nos esperaba en aquel lugar.

El lunes a primera hora de la mañana cruzamos el control de seguridad del edificio Albert Borschette para pasar una jornada en la Comisión Europea conociendo a distintas funcionarias del SCIC y practicando la interpretación consecutiva. Sorprende la cantidad de altos cargos ocupados por mujeres, aunque en un ámbito como la interpretación lo contrario sorprendería incluso más. Para rematar el día, cuatro valientes voluntarios se sometieron a un simulacro de examen de acceso a la UE con un tribunal de lujo en el que estaban las jefas de las cabinas española, alemana y una intérprete de cabina inglesa del equipo de formadores del SCIC. Incluso los meros espectadores estábamos como flanes, pero dejaron claro cuál es el nivel del MIC de La Laguna. Lo más destacable del día fueron las caras que se nos quedaron al echarle un vistazo a la documentación que nos dieron para la reunión del Consejo de la UE que interpretaríamos al día siguiente en cabina muda.

Para bien o para mal, no pudimos asistir a ninguna reunión con tintes más políticos así que el martes y el miércoles los pasamos viviendo en nuestras propias carnes lo que es estar en cabina durante una reunión técnica, rebuscando entre los documentos el párrafo exacto que estaban leyendo los delegados y quedándonos fascinados con el trabajo de los intérpretes de esas reuniones. La verdad es que por mucho que se diga de las reuniones de pesca y de la gallineta nórdica, no podemos subestimar la dificultad de una reunión sobre la armonización de los niveles de ruido de los vehículos. Tuvimos la suerte de conocer a Paco, intérprete del SCIC que hizo de guía turístico por el edificio Berlaymont y nos llevó a tomar una cerveza con varios intérpretes que nos contaron de primera mano cómo es formar parte del SCIC.

El miércoles por la tarde, tras un día de cabina muda en el Consejo de la UE, en el tren hacia Luxemburgo pudimos disfrutar de un rato de descanso, muchas risas y alguna que otra sorpresa.

Finalmente, el jueves pasamos el día en el Tribunal de Justicia de la UE, donde tuvimos la oportunidad no sólo de presenciar una vista oral, sino también de ser testigos de las prestaciones de los intérpretes que trabajaron solamente para que los estudiantes del MIC pudiésemos escucharlos. Comprobamos que, a pesar de ser la misma profesión, el trabajo que realizan los intérpretes de la Comisión Europea, o del Consejo Europeo, y los del Tribunal de Justicia de la Unión Europea es completamente diferente.

El viaje fue una oportunidad para conocer el funcionamiento de diferentes instituciones europeas desde dentro, para escuchar de boca de sus intérpretes cómo es la profesión, para tener nuevas perspectivas, ver la interpretación desde un punto de vista distinto y para darnos un empujón de cara a las semanas de formación que nos quedan. Y por qué no, para disfrutar de las tormentas de nieve que tanto escasean en Tenerife.

Los alumnos del MIC queremos dar las gracias a los intérpretes del SCIC y del TJUE por su paciencia y aguante, y, a Lourdes, Marlene y Julia, por organizar y coordinar este viaje”.

Nuria Campoy, alumna del MIC, promoción 2012-13.